Motore Italia, c'è


 

L'ultima grande Ferrari quando c'era Enzo, la Testa Rossa 84. Gli ultimi grandi anni italiani, gli anni Ottanta. Poi siamo sprofondati, la traversata nel deserto, Prodi, Visco, Berlusconi, Tremonti, Renzi, Monti, Letta, Movimento 5 Stelle, Monti, Attali. In tutto questo c'è un certo Attali. C'era una Commissione Attali per fare risollevare la Francia e c'era il Presidente del Consiglio italiano, Monti che ne faceva parte. Monti, tutto in una notte, Senatore a vita, dopo pochi minuti Presidente del Consiglio, l'uomo con la falce l'uomo che ha falciato l'Italia. Ha falciato la creatività, l'impegno, ci ha ricoperto di tasse, ha distrutto tutto, su mandato dell'Unione Europea, un mandato che era distruttivo. L'IMU ci ha fatto perdere 3000 miliardi, abbiamo buttato nel cesso 3000 miliardi, le nostre case, valgono un terzo in meno rispetto al 2011, prima che venisse Monti. Hanno lavorato tanto contro il nostro paese. Abbiamo avuto un certo Letta figlio di un altro Letta che era l’eminenza grigia di Berlusconi e questo Letta, mandava le spedizioni delle nostre navi, operazione “Mare Nostrum” le mandava a prendere gli immigrati, perché quei poverini, non avevano la possibilità di venire qui.

E allora, ha detto: No basta, barconi, noi mandiamo le navi della marina” tanto c'è chi paga, e tutto veniva poi controllato, coordinato da un Ministro di colore, un Ministro per l'immigrazione. Ce ne hanno fatto vedere di tutte. Poi è arrivato Renzi. E' arrivato Renzi, perché i poteri forti dicevano “Ma no, basta, questi italiani poi si stancano.” Forse non conoscevano gli italiani, avrebbero lasciato anche Letta. Hanno messo Renzi, perché poteva illudere di più di italiani, ma visti i covidioti di oggi, avrebbero lasciato chiunque come Presidente del Consiglio. Non serve illuderli, non serve raccontare balle, tanto non capiscono, tanto non sanno niente, tanto obbediscono.

Obbediscono, la mascherina è obbligatoria. La pandemia, la pandemia di Attali. Una piccola pandemia, può fare in modo di avere un governo mondiale. Ora torna, Monti, nominato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il suo impegno è per il vaccino obbligatorio. Tutti devono essere vaccinati, sennò continuate a vivere così, sennò continuate a vivere con la mascherina. Dovete accettare che i vostri figli, se hanno una linea di febbre in più, vengono parcheggiati, per il ritiro, da soli in una stanza apposita e se non li andate a prendere, vanno nelle loro strutture. Dovete accettare anche questo, dovete accettare di essere dei numeri, di essere redarguiti, dai commessi, dovete accettare tutto, dovete accettare di vivere in un modo assolutamente intollerabile, inaccettabile. C'è la gente che rinuncia, che dice no, però lo dice in maniera sbagliata, si uccide. Non date questa soddisfazione non lo fate. Non date questa soddisfazione a Conte, a Grillo, dovete combattere, non è finita, non date ascolto a quelli che dicono: “Ma no, ormai è tutto inutile, ci metteranno il microchip, ci metteranno nel campo di concentramento, ormai hanno deciso.” Non date ascolto a questi. Questi sono quelli che inducono al suicidio, perché uno dice: “Perché è tutto finito, tanto, cosa faccio, cosa serve se hanno deciso tutto?” Hanno deciso tutto chi? Ma chi? Conte e Casalino? Volete dare la soddisfazione a questa gentaglia di comandarci in questo modo?

La situazione, è realmente insostenibile, non ci sono prove. Io mi rivolgo di nuovo a quel medico di famiglia, il mediconzolo, che dice: “Mettiti la mascherina assolutamente, fai la vaccinazione per l'influenza, per la polmonite, fai tutte le vaccinazioni, perché c'è.” C'è. Allora, certifica. Portami immediatamente un certificato di un tuo paziente che è morto per covid 19, in cui c'è scritto: “Questa persona è morta esclusivamente per covid 19.” E allora io dico, noi abbiamo 35.000 morti. 35.000 che dicono i nostri governanti, meno Conte, che per lui il numero è 135.000 che sono morti per covid 19, però non lo certificano. Questi avevano il tampone positivo. Non sono morti per covid 19, finché loro non lo certificano. Allora io vi dico che di questi 35.000 non ce n'è uno, uno, che è stato certificato come deceduto per covid-19, esclusivamente per covid-19. C'è, tra questi 35.000 un signor Mario Rossi che è stato certificato come deceduto per covid-19, esclusivamente come covid 19? Ce n'è uno, uno solo. Uno mi basta. Non ce n'è neanche uno. Siamo stanchi. È giunta l'ora di smetterla. Deve calare il sipario su questo teatrino, su questa farsa. Meloni e Salvini non possono fare niente, perché sono stati d'accordo con loro, non c'è lo spessore.

Ci siamo noi di Motore Italia, noi saremo operativi, entro poche settimane, lo saremo. Noi stiamo combattendo ogni giorno, non sono solo contro tutti, siamo tanti, tanti, contro tanti. Pensate che ci vogliono ignorare, ma seguono tutto quello che facciamo. Pensate che questa dicitura nel sito del governo, non c'è più, perché noi ogni giorno, battiamo su questo. Questo fatto che loro dovranno validare i morti come, morti esclusivamente di covid-19 non c'è più, perché ci ascoltano, ci ascoltano ogni giorno. Ci hanno mandato degli infiltrati. Pensate, uno di questi, ha cominciato a dire, ma no, tu devi fare un sito, devi caricare, devi fare. Io dico vediamo, stiamo organizzando, non potete pretendere un partito in tre giorni. La Meloni questo partito ce l'ha avuto in eredità, Salvini lo stesso. Difficilmente si crea un partito in poco tempo, noi lo stiamo facendo, ogni giorno, lavorando. Da un lato noi siamo presenti per quanto riguarda la necessità di smascherare questo governo che attacca continuamente i cittadini. E' un Governo che non è per la salute pubblica, ma per distruggere l' Italia e dobbiamo combattere.

Poi abbiamo questi infiltrati, addirittura uno voleva venire ad Ancona, poi mi ha mandato un messaggio, ci ho parlato… Gli ho chiesto di venire, mi ha detto che è impegnato e male indirizzato. Ci risentiamo questa sera vedremo il da farsi. Era un messaggio a un suo compare, all'altro infiltrato, l'ha mandato a me. E poi ha cominciato a dire, ma no, voi non fate, non ci siete, Motore Italia, non c'è. Non rappresentate, perché la gente vuole vedere la registrazione dal Notaio e tutte queste balle. Allora io lo dico a tutti come l'ho detto a lui purtroppo lui mi ha risposto con degli insulti, io lo dico a tutti, Motore Italia c'è. Motore Italia, c'è. Io l'ho cacciato via, e lui mi ha detto: “Ma lei non mi caccia da niente perché non c'è.” Miserabile infiltrato, non hai idea di quanto ci sia Motore Italia, è nelle nostre coscienze è la nostra volontà di Riconquistare la Libertà, è il nostro desiderio di essere liberi da questi lacci quotidiani che questo governo addirittura, sporcando i tamponi, continua a utilizzare, continua a legarci. Motore Italia, è un modo di vivere, è un modo di pensare è un modo di essere presenti è un modo di essere liberi, è un modo di riconquistare la nostra vita, il nostro futuro. Certamente, tutto questo sarà anche scritto, noi ci adegueremo alle norme, perché noi dobbiamo andare nella sala dei bottoni e quindi, noi faremo tutti i passi burocratici necessari, li stiamo facendo, ma non venite più a infiltrarvi non venite più a sparare veleno, perché noi siamo l'idea, noi siamo l'idea che in questo momento si concretizza, che si moltiplica.

Noi diamo un passaggio a quelli che stanno aspettando che sono per la strada che ci fanno segno, ci fanno segno di fermarci, fateci salire, fateci venire con voi, perché noi dobbiamo arrivare a conquistare la libertà. Noi siamo quelli che dicono, venite con noi, salite sul nostro pullman della Libertà. La riconquisteremo. (08 settembre 2020)




Commenti

Post popolari in questo blog

Una scelta irreversibile

Sulle cause dei 33774 decessi in Italia a giugno 2020

La notte del Generale