Lavoriamo 24ore al giorno per la libertà

 

 


Siamo qui a riflettere, nella zona panoramica di Ancona, a pochi metri, perché qui non potevamo entrare, al di fuori di quell'ingresso, eravamo stati fermati dalla Finanza. Dove vai? Cosa stai facendo? Perché sei qui? Le solite domande caratterizzate dal fatto che noi non potevamo uscire da casa, non potevamo andare fuori. Noi, non abbiamo idea di quale ferita immensa che ancora non si rimargina negli animi delle persone più intelligenti, più forti, più creative. Non avete idea che ferita immensa è stata inferta alla libertà.

 La libertà.

La libertà che è stata non dico limitata, è stata annullata completamente, da una banda di mentecatti, da una banda di criminali, di idioti. Noi popolo intelligente siamo stati messi alle corde, messi KO da una banda di scemi, da una banda di comprati, di criminali, di venduti.

Non era mai successo nella storia dell'umanità che la libertà fosse stata compromessa fino alla radice, non poter uscire da casa. “Tu devi stare a casa”, devi stare a casa per cosa, c'è qualcosa, c'era qualcosa? Oggi non c'è niente, non c'è più niente, lo dicono i famosi virologi, lo dicono addirittura quelli che in Inghilterra stanno testando il vaccino, dicono: “Non possiamo più, perché non ci sono più i malati, perché questo virus non c'è più.” Questo virus era qualcosa poco più di una influenza. Qualcosa che è stato strumentalizzato completamente, per poter soggiogare un popolo, per poterci dire, io non ti consento di uscire, tu questo non lo puoi fare, tu devi stare a casa. Tu non devi più andare a lavorare. Tu non devi andare più in chiesa. Tu non puoi più mandare a scuola i tuoi figli, per che cosa.

 L'Istituto Superiore di Sanità, ha comunicato i risultati certo, molto piccoli, scritte con letterine alte un millimetro e mezzo, ma li ha comunicati. E allora, l'ultimo comunicato del 20 maggio 2020, cosa dice: 31.000 deceduti. Allora hanno esaminato le cartelle cliniche di 3.000 e hanno visto che il 96% erano deceduti per altre patologie, tre o più patologie concomitanti. Sapete quanti erano deceduti di quei 3.000 per corona virus: 120.  Se noi facciamo il rapporto con i 30.000 sono 1271.  Allora noi buttiamo per aria, andiamo a tagliare, i punti base, andiamo a togliere le fondamenta del vivere, la libertà è il fondamento del vivere, per 1271 deceduti? Per 1271 deceduti, avete detto che gli altri erano deceduti per altre patologie concomitanti, il 60% di quel 96% erano tre o più patologie molto, molto gravi.

Però io vi posso concedere anche un fatto, c'era Borrelli che affermava: Attenzione, noi andiamo a fare il tampone a chi? A chi? Andavano negli istituti per malati terminali, quelle povere persone che erano state ricoverate lì, perché avevano pochi giorni di vita, persone affette da tumore con metastasi, insufficienza renale, ictus tutte concomitanti, andavano a fare il tampone. Il tampone stranamente, risultava positivo. Quelli, dopo alcuni giorni morivano: è morto per coronavirus!

E questi sono stati quelli del 96,7%, gli altri 1271, sono deceduti, perché non sapevano niente, perché li hanno intubati e non era necessario, ma sapete che a Bergamo, tutti quelli intubati sono deceduti, perché è qualcosa di enormemente negativo e invasivo, e loro non sapevano che bastava molto poco per fare in modo che queste persone potessero essere curate, bastava molto poco, e invece non hanno fatto niente. Hanno proibito le autopsie, e allora quello che mi diceva: “Vatti a fare un giro negli ospedali, vai a vedere i malati di covid, nei centri covid, vatti a fare un giro.”

 Si, si, ci sono andati anche quei virologi, quelli terroristi che dicevano, la seconda, la terza ondata hanno detto: “Non possiamo stabilire, i morti di Bergamo quanti ne siano deceduti per covid-19 e quanti per altre patologie.” Non lo possono stabilire, perché qui su questa cosa terroristica, c'è una donna, incompetente che non sa niente, che intrattiene tutto il giorno sulla TV, che diceva agli anziani: “Guardate, se avete un colpo di tosse, chiamate il 112. Fatevi ricoverare tutti.”

Bene, tutti quelli ricoverati sono morti. Quelli che invece sono rimasti a casa, che non hanno seguito i consigli di questa donna, invece sono vivi attualmente, è chiaro? Andavano all'ospedale per morire, anche perché erano stati sottoposti a vaccinazione di massa. 140.000 a Bergamo con vaccinazioni.

Un'enorme truffa a livello mondiale. Dalla Spagna, arrivavano le notizie di 1000 morti, 1500, 2000 morti. Adesso hanno detto: “Abbiamo sbagliato tutto, per il momento ci sono 2.000 morti in meno, poi dovremo vedere”. Alla fine arriveranno a dire che i morti in meno erano 5.000. Non c'era niente, era una balla, la più grande truffa portata avanti nei confronti dell'umanità in tutta la sua storia.

Lo volete capire sì o no. E gli altri popoli non ci sono caduti. In Germania in Olanda da tutte le parti hanno manifestato, anche in Francia, non ci hanno fatto mai sapere niente, mai, mai. Gli altri si sono rifiutati, anche perché le misure non erano restrittive come in Italia.

Ma noi sentiamo dei Sindaci che oggi, che sono stati scoperti, però il popolino non lo sa. Perché il 90% della gente, ancora non sa niente di queste cose, non sa che dall'Inghilterra dove stanno sperimentando il vaccino, hanno detto: “Noi non sappiamo come fare”, hanno detto addirittura: “Noi speriamo, speriamo che ci sia ancora qualcosa, di trovare ancora qualche malato” pensate. Speriamo di trovare ancora qualche malato. Speriamo. Preghiamo, hanno detto. Siamo a questi livelli!

Il popolino che va in giro con la con la mascherina, adesso ne abbiamo incontrati tantissimi, questo popolino non sa niente di questo, non legge, non si documenta, dà ascolto a quella imbecille che ha sulla coscienza dei morti, perché ha spinto delle persone ad andare all'ospedale e lì hanno trovato la morte, perché sono state sottoposte, oltre al fatto di essere intubate, a un cocktail micidiale di farmaci, senza neanche conoscere la cartella clinica. Arrivava uno, te lo schiaffava in reparto, e gli buttava dentro qualsiasi cosa. Poi usciva il medico, sembrava il palombaro del Capitano Nemo e alzava, ma allora: “Ma sa, noi di questo virus non sappiamo niente”. Allora, se non sapete niente, cosa state facendo lì dentro. Fuoco, fuoco, Generale. Generale, Bergamo brucia. Bergamo brucia. Hanno bruciato tutto. Tutto hanno bruciato.

Ci vuole una Commissione d'Inchiesta, vogliono lo scudo penale. Non vogliono pagare niente, e poi tutto questo di Bergamo, è stato utilizzato contro di noi. Contro di noi, per dire: “Guarda, i morti di Bergamo, guarda cinque volte superiori”, non considerando che in certe zone del Sud, addirittura i morti erano inferiori rispetto, all'anno passato. Guarda e stai a casa. Non ti azzardare con la mascherina. Oggi di fronte al fatto che sono stati smascherati, loro ci mascherano, loro nonostante siano stati smascherati ci continuano a mascherare, ma perché, perché la gente non reagisce.

Ma noi siamo a questo punto, al punto che sono state prodotte mascherine in quantità non dico industriale, ma in grande quantità. Voi considerare gli italiani sono 60 milioni, lì hanno prodotto otto, novecento, mille milioni di mascherine. Ne hanno fatte tantissime. Non sanno più quello che farci. E allora uno dice, ma come di fronte al fatto che adesso non c'è più niente quando dicevano che c'era qualcosa nessuno portava la mascherina.

 C'era Brusaferro, c'era l'altro lì, Borrelli, no no la mascherina non serve, serve ai medici, adesso tutti con la mascherina. Perché addirittura i sindaci di fronte al fatto che in Italia, all'esterno, non sono obbligatorie le mascherine, invece il sindaco ti dice: “No, tu la devi portare anche all'esterno, sennò ti faccio fare cinquecento euro di multa.” Allora, ve lo spiego, perché certe volte i banditi vengono scambiati per incompetenti, invece sono dei banditi.

Voi avete presente quei rappresentanti quando andate dal medico che stanno lì, che devono vendere le medicine, che devono vendere i nuovi prodotti che tra l'altro, offrono delle gite, viaggi all'estero, tutto questo offrono ai medici queste possibilità se adottano i loro prodotti che certe volte passano avanti. Avete presente? Ecco noi abbiamo nei Comuni, che vanno i venditori di mascherine: “Io ho un lotto.  Ho un lotto di 3 milioni 4 milioni 5 milioni di mascherine. Se tu me le fai vedere, Sindaco, io ti do il 30-40%.”  Ordinanza:Tutti Sono obbligati a indossare le mascherine anche di giorno.” Ecco ci spieghiamo che razza di gentaglia di ladri, di luridi schifosi ci sono a fare i sindaci!

Non possiamo più tollerare questo, noi ci dobbiamo svegliare.  Ma la gente che va in giro con la mascherina, è scema. Abbiamo visto cosa dice l'Istituto Superiore di Sanità. Loro lo dicono, per carità, non la toccate. Se uno butta una mascherina per terra, viene sanzionato, accusato, di danno all'ambiente. Ci mettono intorno i paletti, non ci fanno avvicinare, perché il terreno è infetto, viene recintato. Se io butto la mascherina lì, arrivano quelli che recintano, perché è infetta! Oh, ma io me la tengo sulla faccia, me la tengo sulla faccia, e allora se la butto via, infetto tutto! Questa è la mascherina. Basta con queste cazzate! Basta!

Io vorrei che certi primati non appartenessero all'Italia. Il primato di popolo più scemo del mondo, l'Italia non lo deve avere più, svegliatevi, tutti l'hanno capito possibile che voi ancora non capite niente e allora avanti. E allora basta.

E allora questa gente però la dobbiamo cacciare via. Stasera mi hanno telefonato. Io quando mi dicono il Sindaco ha emesso l'ordinanza per la mascherina che deve essere obbligatoria anche di giorno, chiedo di che partito è. Quello mi ha detto: “Quello è della Lega, quello è di centro-destra, quello è di Berlusconi”, allora, allora cosa diciamo. Questi erano i paladini della libertà. Vi ricordate Berlusconi: “Io voglio un paese libero in cui lo Stato sia ai margini.”

Tutti sono stati catturati da quello che ha detto Berlusconi, il cittadino al centro, lo Stato ai margini a fornire servizi. A fornire servizi cosa, a servire calci in culo, a offendere la gente? A offendere l'intelligenza della gente? Basta, basta non è più possibile, per una cosa del genere che non esiste, tutti l'hanno detto. Guardate il virologo Silvestri, ha detto che si è spento, non c'è più, anche i falchi, anche quelli che affermavano la seconda, la terza ondata, hanno detto tutti che non c'è più niente e continuiamo, e continuiamo. E dobbiamo andare a comprare una maglietta, dobbiamo fare la coda di 4 km che poi arriva quella, “lavati le mani” A me l'hanno detto, a me hanno provato, lavati le mani, le mani, le mani me le lavo quando dico io, non quando decide lei!

Cominciate a fare così! Cominciate a fare così e Motore Italia sarà esclusivamente un soggetto politico che difende le nostre vite. Le nostre vite sono state offese addirittura messe a rischio, perché loro, in questa fase volevano deportare le persone. “Vi veniamo a scovare casa per casa”

Non permettiamo questo, iscrivetevi a Motore Italia, ci incontreremo, ci vedremo appena riusciremo a togliere questa palla del distanziamento e andremo avanti perché noi dobbiamo entrare nella sala dei bottoni, perché questo non deve mai più accadere!

Avanti, guardiamo questo mare deve essere ancora nostro.

Non dovremo mai più permettere a nessuno, per nessun motivo di dire: “Ti chiudo il mare, ti chiudo la spiaggia ti chiudo il parco se non fai come dico io!”

Non permettiamo mai più a nessuno di dire: “Io gestisco la tua libertà!”

La libertà è insita in me, nessuno la può gestire, io sono nato libero!

Non vi permettete mai più di fare queste cose assolutamente!

Richiudiamo tutto? Richiudiamo tutto un'altra volta? NO!

Andremo a combattere a combattere per le strade non glielo permetteremo. 

Non ci provate neanche! (27 maggio 2020)

 



Commenti

Post popolari in questo blog

Una scelta irreversibile

Sulle cause dei 33774 decessi in Italia a giugno 2020

La notte del Generale